Riflessi antichi, visioni contemporanee. Arezzo e il suo territorio. #Turismolento

200 opere fotografiche e un video emozionale per celebrare il territorio di Arezzo

Dal 5 Luglio 2019 al 6 Gennaio 2020 presso la Basilica di San Francesco.

Il Polo Museale della Toscana e Munus Arts & Culture presentano la mostra Riflessi antichi, visioni contemporanee. Arezzo e il suo territorio. #Turismolento che, attraverso un importante nucleo di opere fotografiche ed un video emozionale, racconta il suggestivo territorio aretino: il Casentino, il Valdarno, la Valdichiana e la Valtiberina.

La mostra - da un'idea di Rossella Sileno, direttore del sito museale - è curata da Lorenzo Soave e Ilaria Pugi e allestita negli spazi della Basilica Inferiore di San Francesco di Arezzo dal 5 luglio 2019 al 6 gennaio 2020, inserendosi quindi nel calendario degli eventi dedicati dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali all’anno del “Turismo Lento”.

L'esposizione coltiva l’intento di arricchire la programmazione culturale dei Musei Statali di Arezzo, in accordo con le linee guida ministeriali e promuovendo al contempo l’intero territorio della provincia. Il 2019, infatti, è stato designato “Anno del Turismo Lento”; la scelta s’inserisce nel solco della continuità rispetto ad un percorso avviato nel 2016, individuato come l’Anno Nazionale dei Cammini, seguito nel 2017, l’Anno Nazionale dei Borghi, e portato avanti nel 2018 con l’Anno del Cibo Italiano. L’obiettivo è quello di valorizzare i territori italiani poco conosciuti e restituirli al pubblico attraverso nuovi punti di vista che includano percorsi naturalistici, cammini e itinerari cicloturistici, dando spazio alla riscoperta di luoghi, memorie, conoscenze e artigianalità.

L’intento della mostra Riflessi antichi, visioni contemporanee. Arezzo e il suo territorio. #Turismolento è quello di utilizzare la fotografia come mezzo culturale, di comunicazione e di diffusione della conoscenza di uno dei territori più significativi in Italia da un punto di vista storico, naturalistico e artistico, ampliando gli orizzonti del grande pubblico e coinvolgendo, attraverso una sezione dedicata, anche un pubblico più giovane e le famiglie.

L’esposizione, attraverso 200 opere fotografiche e un video emozionale realizzato ad hoc con l’utilizzo di droni, mette in scena l’immenso patrimonio paesaggistico ed architettonico del territorio che circonda la città di Arezzo che, aprendosi al centro di una piana attorno alla quale si diramano a ventaglio le sue quattro vallate (il Casentino, il Valdarno, la Valdichiana e la Valtiberina), risulta essere una delle mete privilegiate per poter praticare il cosiddetto Slow Tourism.

La mostra è suddivisa in sette sezioni: una incentrata sulla città di Arezzo, quattro dedicate alle vallate aretine, la sala di proiezione del video-documentario, ed una sezione didattica che consentirà alle giovani generazioni e alle loro famiglie di conoscere la flora e la fauna del territorio, grazie ad un’istallazione interattiva.

Uno dei punti di forza della mostra è la partecipazione dei Fotoclub presenti sul territorio aretino, attraverso il prestito di opere fotografiche che esprimono al meglio il tema del turismo lento e della partecipazione collettiva e consapevole.

Importanti anche le collaborazioni del Touring Club Italiano, I Borghi più belli d'Italia e il Club Alpino Italiano, importanti realtà nazionali impegnate nella promozione del patromonio storico, artistico e paesaggistico italiano e della filosofia "slow".

La presenza nel titolo della mostra dell’hashtag #Turismolento è finalizzata ad abbracciare un pubblico ampio, contemporaneo, attento a tutto ciò che è “social”, ma al tempo stesso interessato alla riscoperta di un universo naturale e culturale apparentemente lontano, ma che in realtà è distante solo pochi passi da noi e al quale, anche grazie al mezzo fotografico, possiamo facilmente riavvicinarci, recuperando identità.

L’esposizione è organizzata da Munus Arts & Culture con il Polo Museale della Toscana, con il patrocinio della Regione Toscana, della Provincia di Arezzo, del Comune di Arezzo e dei comuni della provincia, con il contributo di Valdichiana Outlet Village e Argenterie Giovanni Raspini e con la partecipazione di numerosi circoli fotografici e Fotoclub presenti sul territorio: per la Valdichiana i Fotoclub “Il Sansovino”, “Etruria” e "Fanfulla"; per il Valdarno, l’Associazione Fotoamatori “Francesco Mochi” e Fotoamatori Ciuffenna "Italo Baldi"; per il Casentino, il Centro Italiano della Fotografia d'Autore e l’Associazione Fotografica “Walter Soldani”; per la Valtiberina, il Centro Fotografico “Tifernate”.
Media partner dell'evento sono Teletruria e Arezzo24.

 

 

Periodo mostra
5 luglio 2019 - 6 gennaio 2020

Orari
Dal 5 luglio al 26 ottobre 2019
dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 19:00, sabato dalle 9:00 alle 18:00 e domenica dalle 13:00 alle 18:00
Dal 27 ottobre 2019 al 6 gennaio 2020
dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 18:00, sabato dalle 9:00 alle 17:30 e domenica dalle 13:00 alle 17:30

 

Ingresso
Solo mostra: Intero: 6,00 €; Ridotto: 4,00 €; Scuole: 3,00 €
Basilica San Francesco + Mostra: Intero: 11,00 €, Ridotto: 7,00 €
Basilica San Francesco + Museo Archeologico Nazionale G.C. Mecenate + Museo di Casa Vasari + Mostra: Intero: 15,00 € Ridotto: 11,00 €

Residenti della Provincia di Arezzo
Solo mostra: Intero 4 €; Ridotto e Scuole 2 €

Soci Touring Club Italiano e possessori Village Card (Valdichiana Outlet Village)
Solo mostra 4,00 €; Basilica San Francesco + Mostra: 7,00 €
Basilica San Francesco + Museo Archeologico Nazionale G.C. Mecenate + Museo di Casa Vasari + Mostra: 11,00 €

Informazioni
+39.0575.352727
www.pierodellafrancesca-ticketoffice.it

Hotel Consigliati

Gli Hotel e le strutture ricettive consigliate da visitArezzo che offrono ospitalità ad Arezzo. Hotel, Bed and Breakfast e affittacamere presenti in centro storico o nelle immediate vicinanze

PRIVACY & COOKIES - realizzato da www.sitiwebegrafica.it map