“Sacre macerie. Arezzo torna al Pionta”

E-mail Stampa PDF

Fino al 14 Gennaio presso la Galleria Ivan Bruschi.

E' stata inaugurata presso la Galleria Ivan Bruschi in Piazza San Francesco, la mostra “Sacre macerie. Arezzo torna al Pionta”, realizzatada Arezzo per la Storia – Associazione Academo, visibile al pubblico fino al 14 gennaio 2018.

All’apertura dell’esposizione sono intervenuti oltre alle principali autorità cittadine, tra cui la Senatrice Donella Mattesini e la Vice Presidente della Provincia di Arezzo Eleonora Ducci, Luca Scassellati Direttore della Direzione Territoriale di Arezzo di UBI Banca, Mauro MariottiniPresidente dell’Associazione Academo, Giorgio Verdianiprofessore del Dipartimento di Architettura dell'Università degli Studi di Firenzee Carlo SisiConservatore della Fondazione Ivan Bruschi.

“Rendendo disponibili questi ambienti della Fondazione, UBI Banca si conferma ancora una volta vicina agli eventi culturali che consolidano il rapporto con il territorio e contribuiscono a creare nuove sinergie per poter valorizzare il patrimonio culturale ed artistico della città di Arezzo.”Ha commentato Luca Scassellati Direttore della Direzione Territoriale di Arezzo di UBI Banca.

“La Fondazione Ivan Bruschi è lieta di ospitare questa iniziativa di valore all’interno degli spazi dell’omonima Galleria, poiché coincide perfettamente con le idee e la volontà della Fondazione di promuovere e rendere visibili realtà culturali rilevanti per la città di Arezzo. Siamo felici di aver intrapreso una collaborazione con un Istituto così importante che apporta conoscenza e da un contributo concreto alla valorizzazione del territorio” - ha affermato Carlo Sisi, Conservatore della Fondazione Ivan Bruschi.

“Il Dipartimento di Architettura dell'Università degli Studi di Firenze e il Dipartimento di Storia dell'Università di Tor Vergata, grazie all'invito e alla volontà di promozione dell'Associazione Culturale Academo hanno raccolto la difficile sfida di ricostruire una immagine concreta di questo luogo, ricomponendo frammenti e resti ed ampliando ricerche e conoscenze circa questo momento importante della storia prima medievale e poi moderna della Toscana. Il processo di indagine e ricostruzione è stato attuato ed è portato avanti attraverso le più recenti tecnologie digitali, ma anche grazie all'intensa e volenterosa operazione di scavo archeologico, di rilievo, di investigazione storica. - hadichiarato il curatore della mostra Prof. Giorgio Verdiani del Dipartimento di Architettura dell'Università di Firenze – “La mostra Sacre Macerie. Arezzo torna al Pionta vuole presentare in forma articolata e diretta una rassegna degli esiti e del punto di avanzamento nel ritorno della ricerca in questo luogo così vicino, ma così perduto, tanto indecifrabile quanto affascinante e quanto soprattutto meritevole di attenzione nel suo essere una reale sfida per la comunità scientifica e culturale.”

 

“Arezzo torna al Pionta. Dopo 4 anni di affascinanti ricerche condotte dall’Associazione Academo nell’area sacra al Colle del Pionta, sono presentati gli elaborati e le risultanze del lavoro fino ad oggi svolto dal Prof. Giorgio Verdiani dell’Università di Firenze e dalla Prof.ssa Alessandra Molinari dell’Università di Tor Vergata di Roma.”– ha ribadito Mauro MariottiniPresidente dell’Associazione Academo– “Si tratta di una mostra multimediale dove verranno esposti elaborati 3D ad altissima tecnologia di facile interpretazione, in grado di rendere tangibili le radici culturali della città di Arezzo che nell’altomedioevo fu uno dei principali centri culturali dell’Occidente Cristiano.”

Il sito archeologico del colle del Pionta rappresenta un luogo di grande importanza urbana, architettonica, artistica e di fede nel passato di Arezzo, riassume aspetti propri del patrimonio costruito e del patrimonio intangibile che hanno nel tempo sostenuto il ricordo di questo luogo seppur a seguito degli eventi distruttivi. Con le sue rovine e il suo enigmatico lascito culturaleil Colle del Pionta rappresenta una grande sfida per l'interpretazione architettonica ed archeologica, sempre in una logica di rilancio e recupero.

Il progetto ha ottenuto riconoscimenti importantissimi, sia a livello locale meritandosi il patrocinio del Comune di Arezzo sia a livello nazionale con il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO, Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura.

L’Associazione Academo èl’Istituzione che attualmente opera agli scavi del Colle del Pionta e si muove attivamente sul territorio nazionale ed internazionale, fornendo servizi di utilità pubblica con operazioni e ricerche di natura archeologica e paleoantropologica al fine di apportare nuovi e decisivi elementi che possano far luce su eventi primitivi che si ritiene abbiano condizionato il comportamento dell’uomo in tutti i suoi aspetti.

 

Info:

Fondazione Ivan Bruschi, Corso Italia 14 – Arezzo, tel. 0575/354126.

Galleria Ivan Bruschi, Piazza San Francesco 1 – tel. 0575/1645505.

Aperti dal martedì alla domenica con orario 10.00-13.00 / 14.00-18.00

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

www.fondazioneivanbruschi.it Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. '; document.write( '' ); document.write( addy_text52791 ); document.write( '<\/a>' ); //--> Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Arezzo per la Storia | Associazione Academo:

tel. 3356818662 – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. www.arezzoperlastoria.it



Add this page to your favorite Social Bookmarking websites
 
Condividi questo articolo
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Seguici su

12°C
Arezzo
Coperto con pioggia debole intermittente
Umidità: 86%
Vento: 8 nodi SSO
Sab

7°C
Dom

7°C
Lun

6°C
Mar

8°C

DOVE DORMIRE


HOTEL VOGUE AREZZO BANCA VALDICHIANA

Utilizzando il sito accetti implicitamente l'uso dei cookie per migliorare la navigazione e mostrare contenuti in linea con le tue preferenze - Policy - Accetto i cookies