ConVivi Arezzo 2018

Dal 1 ottobre al 9 novembre arriva in città un ricco programma di eventi, incontri e iniziative

Dal 1° Ottobre al 9 Novembre ad Arezzo.

Un mese di iniziative alla scoperta del cuore multiculturale di Arezzo, delle tante sfumature e culture che convivono in città, per riflettere insieme sui temi dell’integrazione, della buona accoglienza e condividere esperienze, storie, solo apparentemente lontane da noi.

E’ConVivi Arezzo, un cartellone di 20 appuntamenti, presentati stamaniassieme alla vicepresidente della Provincia Eleonora Ducci e alle organizzazioni promotrici, che si snoderanno per la città dal 1 ottobre al 9 novembre, promossi da oltre 20 associazioni aretine, che per anni hanno dato vita all’esperienza virtuosa della Casa delle Culture di Arezzo.

“Attraverso tanti eventi, aperti alla cittadinanza tra incontri di riflessione su temi di stretta attualità, appuntamenti al cinema, presentazioni di libri e momenti conviviali, vogliamo proporre una riflessione aperta sul tema della tutela dei diritti, della gestione del fenomeno migratorio e dell’accoglienza dei richiedenti asilo, dello sfruttamento del lavoro e del caporalato, dell’integrazione nelle scuolee molto altro ancora.– ha spiegato Giuseppe Cirenei del comitato promotore di ConVivi Arezzo – Molti appuntamenti aperti a tutte le persone che hanno a cuore una città vivibile, in cui le differenze non sfociano in conflitti, in cui la conoscenza e la collaborazione tra culture ed esperienze diverse sono fonte di grande arricchimento per la società”.

Evento di apertura di ConVivi Arezzo sarà l’incontro pubblico il 2 ottobre, alle 17.30 nella Sala Dei Grandi della Provincia, con la presentazione della petizione “Welcoming Europe- Per un’Europa che accoglie”,alla vigilia dell’anniversario dell’atroce naufragio di Lampedusa del 3 ottobre 2013. Un momento di riflessione, su un tema di stretta attualità, durante cui interverranno la direttrice delle campagne di Oxfam Italia, Elisa Bacciotti, Vittorio Cogliati Dezza di Legambiente, Chiara Favilli di ASGI e Stefano Bertoldi operatore di SOS Mediterranée, che porterà la testimonianza del lavoro realizzato a bordo della Nave Aquarius.

“Sarà un’occasione non solo per ricordare le 300 vite spezzate nel naufragio di 5 anni fa al largo di Lampedusa – ha aggiunto Caterina Casamenti di Oxfam Italia – ma anche per riflettere, in un momento molto complicato, sulle prospettive della gestione dei flussi migratori e dell’accoglienza dei richiedenti asilo in Europa, in Italia, nella nostra città. Nel corso dell’incontro presenteremo infatti alla città la petizione Welcoming Europe, sostenuta da molti soggetti della società civile, che si propone di raccogliere 1 milione di firme in almeno 7 paesi Ue per chiedere all’Europa attraverso una legge di iniziativa popolare un diverso modello di accoglienza. In pochi mesi sono già state moltissime adesioni, ma ciascuno può fare la sua parte. Per farlo però crediamo che sia fondamentale ripartire dai territori, condividendo insieme le esperienze che ci accomunano”.

I principali eventi in programma

Tra i molti appuntamenti in programma saranno tante le occasioni di riflessione che si alterneranno a momenti conviviali dove sarà possibile conoscere e scoprire tradizioni e culture diverse: dalla Festa per il “Nigeria – indipendencedayanniversary” (il 1 ottobre), a “Culture in Passerella”, una due giorni di sfilate di abiti da tanti paesi del mondo(il 13 ottobre a cura dell’Associazione Donne Insieme), passando per “Affrossà”la conferenza spettacolo con racconti, canti, danze della cultura afrobrasiliana (il 6 novembre a cura di Spazio Seme).

Spazio anche a momenti di riflessione: sull’accoglienza con “Le città (in)vivibili – Letture per ragazzi e adulti tra accoglienza e rifiuto” (il 10 ottobre a cura del Gruppo Gli Instabili e Liberia la Casa sull’Albero); e sul razzismo con l’iniziativa “Una Nuova Comunità Solidale” (giovedì 18 ottobre a cura della CIGL).

 

Tanti anche gli spazi dedicati a laboratori emostre interattive con “Razza Umana” (dal 12 al 14 ottobre a cura dei circoli Baobab e Eureko); proiezioni di film con “Piazza Vittorio” di Albel Ferrara (il 17 ottobre a cura delle Officine della Cultura); presentazioni editoriali con “La crisi dei rifugiati e il diritto alla salute” (il 6 ottobre a cura di Oxfam e Regione Toscana). Non potevano mancare inoltre momenti di condivisione e riflessione legati al cibo, con le degustazioni dei vini e dei prodotti delle aziende libere dal caporalato con “Convivi a tavola” (il 26 ottobre presso l’Oxfam shop di Arezzo). Spazio infine anche all’integrazione attraverso lo sport con il Torneo multietnico di calcetto organizzato dalla UISP.

 

Le organizzazioni promotrici:
Acli
Arci
Associazione Musicanti del Piccolo Borgo
Associazione Culturale Bangladesh
Associazione Donne Insieme
Camminando s'apre cammino
Centro salute globale Regione Toscana
Cgil
Circoli Baobab e Eureko
Circolo Culturale Aurora
Comunità nigeriana
Gruppo Gliinstabili
La Casa sull'albero
Legambiente
Nuovo Comitato Saione
Officine della Cultura
Oxfam Italia
Progetto Sprar Cast. Fibocchi
Semillita Atelier
Spazio Seme
Uisp

Galleria immagini

METEO per AREZZO
Guarda le previsioni aggiornate su WWW.METEOGIULIACCI.IT
Hotel Consigliati

Gli Hotel e le strutture ricettive consigliate da visitArezzo che offrono ospitalità ad Arezzo. Hotel, Bed and Breakfast e affittacamere presenti in centro storico o nelle immediate vicinanze

PRIVACY & COOKIES - realizzato da www.sitiwebegrafica.it map